SERVE AIUTO

Parla con noi al 800.303.303 e se ti trovi all'estero chiama +39.011.8019.200

Il welfare aziendale di Intesa Sanpaolo

Come lavorare con serenità conciliando gli impegni aziendali con le esigenze personali e familiari

È il Codice Etico di Intesa Sanpaolo (lo strumento di autodisciplina che orienta, a partire da un sistema di valori condiviso, i comportamenti nei confronti degli stakeholder), a prevedere politiche che agevolino l’equilibrio tra vita personale e professionale dei dipendenti. E il Piano d’Impresa 2018-2021 suggella l’impegno.
Ne deriva un sistema integrato di misure e iniziative per il welfare aziendale, sviluppato e monitorato da comitati misti azienda-dipendenti, che si articola in vari capitoli.

Lavoro Flessibile (“Smart Working”)
 

La possibilità di svolgere il proprio lavoro da casa o in spazi aziendali appositamente allestiti, diversi dal proprio ufficio o dalla sede del cliente, coinvolge ad oggi oltre 11.500 dipendenti, con un obiettivo, previsto dal Piano d’Impresa, di arrivare a 24.000 nel 2021. Sempre da casa è anche possibile fruire della formazione in modalità flessibile. La pratica è stata estesa ad alcune Banche estere del Gruppo

Banca del Tempo
 

È una riserva annuale di ore di assenza retribuita messa a disposizione dall’azienda e dai dipendenti per favorire colleghi che, trovandosi in situazioni di difficoltà, abbiano necessità di un’ulteriore dotazione di permessi rispetto a quella già spettante. Tale riserva è alimentata dall'Azienda con una dotazione iniziale (50.000 ore nel 2018), da incrementare mediante donazioni volontarie, da parte dei dipendenti, di tempo dei permessi loro spettanti e, in pari misura, da parte dell’azienda. Con questo meccanismo nel 2018 sono state oltre 67.000 le ore complessive di cui i dipendenti in stato di necessità hanno potuto fruire. Nello stesso spirito si è voluto anche agevolare il volontariato dei dipendenti all’esterno del Gruppo con la concessione di permessi ad hoc. Nel 2018 sono stati quasi 400 i dipendenti che hanno prestato la propria opera in 25 giornate di lavoro, per 36 differenti iniziative a favore di 11 associazioni ed enti esterni selezionati, per un totale di circa 3000 ore di permesso.

Tutela della maternità e paternità e misure per la conciliazione vita-lavoro
 

Il sistema di tutela della genitorialità integra e migliora l’insieme di congedi e permessi previsti a livello legislativo e contrattuale nazionale, con specifici interventi tesi a favorire il coinvolgimento dei padri nelle cure familiari. Fra questi interventi, tre giorni di congedo facoltativo retribuito, in aggiunta a quelli previsti per legge, e l'integrazione del trattamento economico previsto per il congedo parentale in caso di fruizione da parte del padre dipendente. Asili nido aziendali, infine, sono presenti a Firenze, Milano, Moncalieri (TO), Napoli e Torino per un totale di 255 bambini, mentre convenzioni con altri asili nido sono attive in tutta Italia. Numerose sono le misure in generale per la conciliazione vita-lavoro, come ad esempio la possibilità di permessi speciali a fronte di determinate condizioni di disagio del dipendente e/o di familiari.

Previdenza complementare
 

Il Fondo Pensione a Contribuzione Definita del Gruppo Intesa Sanpaolo (un patrimonio di 6 miliardi di euro e 75.000 iscritti a fine 2018) presenta un’offerta molto variegata che oggi prevede 5 comparti finanziari ed uno assicurativo. Gli iscritti possono quindi operare le proprie scelte di investimento ripartendo la propria posizione su uno o più comparti tra quelli disponibili. I dipendenti possono iscrivere i propri familiari e possono mantenere l’iscrizione al Fondo anche al raggiungimento dell’età pensionabile.

Fondo Sanitario Integrativo
 

È un ente senza fini di lucro ispirato ai valori mutualistici e di solidarietà sociale, che offre agli iscritti (dipendenti in servizio, personale in esodo e in quiescenza) e ai loro familiari prestazioni integrative e sostitutive di quelle fornite dal Servizio Sanitario Nazionale. Nel 2018 ha erogato, al netto della franchigia, prestazioni per 145 milioni di euro a beneficio dei propri 201.000 iscritti. Nel corso degli ultimi anni il Fondo ha anche attuato campagne di informazione e prevenzione su temi quali le patologie cardiovascolari, l’osteoporosi e varie forme di tumore. Programmi di assistenza sanitaria comprendenti consulenza medica e diverse forme di supporto per trattamenti sanitari, in alcuni casi anche fuori del Paese di residenza, sono anche in atto presso le banche estere del Gruppo e coinvolgono oltre 19.000 persone.

Associazione Lavoratori Intesa Sanpaolo
 

Nel quadro del Sistema Integrato di Welfare aziendale, l'Associazione, finanziata dalle quote dei soci (140.000 fra dipendenti in servizio, personale in quiescenza e familiari) e da un contributo aziendale, costituisce una forma di welfare partecipato. L’Associazione mira a favorire le attività di aggregazione culturale, ricreativa, turistica e sportiva, ma estende la propria attività ai servizi alla persona, in particolare per le famiglie con figli e per i caregiver dedicati all’assistenza di familiari, e ad iniziative per la conciliazione vita-lavoro. Nel 2018, oltre a proporre vari Junior Campus in Italia e all’estero, ha offerto programmi per favorire le scelte della scuola superiore, dell’università e/o del lavoro. Ai bimbi da 1 a 6 anni offre un dono di Natale e alle famiglie di tutti i nuovi nati nell’anno è dedicato un contributo straordinario. Ampia, infine, la gamma di convenzioni e facilitazioni riservate ai soci per l’acquisto di beni e servizi.

Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus
 

È impegnata nel contrasto al disagio economico e sociale a favore di dipendenti in servizio o in quiescenza e relativi familiari in difficoltà, come pure nella promozione della cultura e dell'arte mediante borse di studio o corsi di formazione a favore di persone svantaggiate per condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari. Sostiene infine economicamente numerosi enti che operano nel campo della solidarietà e assistenza.

Luglio 2019