SERVE AIUTO

Parla con noi al 800.303.303 e se ti trovi all'estero chiama +39.011.8019.200

Cultura e Responsabilità Sociale

13 Storie Dalla Strada. Fotografi Senza Fissa Dimora

In mostra alle Gallerie d’Italia Piazza Scala

Èaperta al pubblico fino al prossimo primo settembre, presso le Gallerie d’Italia - Piazza Scala sede museale e culturale di Intesa Sanpaolo, la mostra fotografica “13 Storie dalla Strada. Fotografi senza fissa dimora”, un viaggio lungo un anno nell’universo sociale e urbano della Fondazione Cariplo condotto da 13 fotografi senza fissa dimora.
L’esposizione, curata da Dalia Gallico, nasce dalla collaborazione con Ri-scatti Onlus che dal 2015 porta avanti progetti d’integrazione sociale attraverso la fotografia. Con il supporto di Fondazione Cariplo, i workshop di fotografia per persone senza fissa dimora, uomini e donne, italiani e stranieri, selezionati con l’aiuto dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano e seguiti dai fotoreporter di Witness Journal, sono diventati un appuntamento fisso. Tra di loro c’era chi teneva in mano la macchina fotografica per la prima volta e chi, dopo tanto tempo, ritornava a usarla, ne ritrovava i segreti e la potenza espressiva.

“Il sostegno di Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo”

Riscatto è una parola importante per Fondazione Cariplo. In 28 anni la Fondazione ha realizzato migliaia di iniziative attraverso cui le persone hanno trovato il proprio riscatto. Persone abituate a essere definite per difetto: “senza”, senza un impiego, senza una casa, senza un futuro, a cui la Fondazione ha cercato di restituire un’identità con progetti di inserimento lavorativo, di housing sociale, di welfare di comunità. Riscatto è ritrovare il lavoro, possedere finalmente o nuovamente le chiavi di una casa, ricostruire legami perduti. Da questo incontro è nata una nuova consapevolezza: che il riscatto può passare anche attraverso la riscoperta della dignità del proprio sguardo: «La fotografia ha cambiato il mio atteggiamento, la percezione del mondo. La necessità di trovare soggetti belli da fotografare mi ha costretto a cercare il bello nelle cose. Non ero più passivo nella vita, ero diventato un cercatore di bellezza».

Il passo successivo è stato chiedere ai fotografi che avevano partecipato ai workshop di documentare la realtà di Fondazione Cariplo, un patrimonio di persone e di progetti, di affidare a loro il racconto della propria identità. Il risultato è oggi negli spazi prestigiosi del polo museale e culturale che Intesa Sanpaolo ha messo a disposizione. In mostra ci sono 52 immagini inedite scelte tra i 9800 scatti che i 13 autori hanno realizzato nel corso di un anno, fotografando 13 progetti scelti fra i 1500 che Fondazione Cariplo porta avanti ogni anno: la comunità allegra di un orto urbano, il volo di un acrobata, un appartamento dove vivono ragazzi disabili, il volto di una scienziata. Qualcuno dei fotografi senza fissa dimora è arrivato fino alla fine di questo anno, qualcuno si è perso per strada, lasciandoci solo le sue immagini: è stato un percorso emozionante che ha incrociato fragilità e speranze, paure e orizzonti.
Una prospettiva che ha unito l’atto del raccontare a quello del raccontarsi: oltre alle immagini saranno proiettate nella mostra le videointerviste ai fotografi. Una testimonianza che illumina le vite di persone che ogni giorno attraversano l’anima periferica, fragile, marginale di Milano. Scopriremo chi sono, dove trascorrono la giornata, dove mangiano, come si lavano, chi hanno perso per strada, quali luoghi chiamano casa, che cosa desiderano e che cosa hanno ritrovato osservando il mondo con la macchina fotografica. Un viaggio lungo un anno che li ha portati dalla periferia al cuore della città.

Giuseppe Guzzetti, già Presidente di Fondazione Cariplo, ha dichiarato: «Ho sempre pensato che per risvegliare le coscienze dovremmo portare gli ultimi, i più deboli, nel centro delle nostre città. Quando questo accade li allontaniamo perché ci dà fastidio vedere persone fragili davanti alle vetrine sfavillanti che magari ci chiedono l’elemosina. Questa mostra fotografica ha invece il grande merito di aver portato gli ultimi al centro in un modo diverso, da protagonisti, riservando loro il palcoscenico che di solito si lascia ai grandi fotografi. Un gesto simbolico, nato per farci pensare, un dono capace di cambiare le nostre giornate».
Giovanni Bazoli, Presidente Emerito di Intesa Sanpaolo, ha commentato: «In una prospettiva inclusiva e pertanto autenticamente sociale, le nostre Gallerie d’Italia vogliono essere aperte alla collettività in tutte le sue declinazioni: spazio che offre nuove opportunità anche a chi vive condizioni di disagio, marginalità e fragilità. Questa mostra, ricca di significati, testimonia l’incrollabile fiducia della nostra banca nel valore della cultura come strumento di progresso e di elevazione di tutti i componenti della comunità civile e quindi anche come forza di cambiamento della società».
«È stata un’esperienza molto formativa per i nostri fotografi senza fissa dimora: avere come “committente” Fondazione Cariplo li ha responsabilizzati e motivati», ha sostenuto infine Federica Balestrieri, fondatrice di Ri- scatti Onlus.