SERVE AIUTO

Parla con noi al 800.303.303 e se ti trovi all'estero chiama +39.011.8019.200

Mondo Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo: nuova stagione per il Grattacielo di Torino

Inizia una nuova stagione per il Grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino, che riapre al pubblico tutti gli spazi della serra bioclimatica. La Banca ha affidato allo Chef Marco Sacco - due stelle Michelin e già chef di Piano35 lo scorso anno - la gestione dei piani alti del grattacielo, di cui sarà a tutti gli effetti titolare. “Una sorta di albero che affonda le sue radici nella terra che calpesto ogni giorno da cinquant’anni” secondo Sacco. Per gestire il lounge bar, al 37esimo e ultimo piano, Sacco ha scelto Cinzia Ferro, nome di prestigio la cui creatività è ispirata dalla passione per l’arte.

L’accordo prevede, oltre a ristorante e lounge bar che riapriranno al pubblico il 3 settembre, la gestione del suggestivo spazio al 36esimo piano, disponibile in affitto per eventi privati. Il luogo in cui la Banca organizza mostre e iniziative culturali - sempre sold-out - sotto la guida di Michele Coppola, Executive Director Arte Cultura e Beni Storici e consigliere esecutivo di Intesa Sanpaolo Highline (società che amministra gli spazi pubblici del grattacielo).

Affidata allo Chef stellato Marco Sacco la gestione dei “piani alti” del Grattacielo Intesa Sanpaolo

Nel 2018 oltre 30mila persone hanno risposto con entusiasmo alle proposte culturali di Intesa Sanpaolo, tra cui l’esposizione dell’Adorazione dei Pastori di Juan Bautista Maíno dall’Hermitage di San Pietroburgo, le letture su Fruttero & Lucentini e Italo Calvino, il ciclo la Storia passa da Torino di Alessandro Barbero e gli appuntamenti inseriti nella programmazione dei grandi eventi cittadini come la Biennale Democrazia, il Salone del Libro, MITO SettembreMusica, il Torino Jazz Festival e Open House Torino.
 

Dalla sua apertura nella primavera 2015, il grattacielo è entrato nel cuore dei cittadini quale simbolo della città, come testimoniato dal Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro che, intervenendo alla presentazione del progetto, ha evidenziato come sia un luogo aperto “ed un elemento identitario di Torino, capace di racchiudere le tante anime di Intesa Sanpaolo”. Qui, ha aggiunto Gros-Pietro, “sono in forze la Banca dei Territori, cuore dell’attività creditizia del Gruppo, l’Intesa Sanpaolo Innovation Center, fiore all’occhiello in tema di innovazione fintech, e il centro di formazione”.

Il Presidente di Intesa Sanpaolo ha poi evidenziato come, “grazie alla visione di Enrico Salza, le tecnologie di avanguardia per il risparmio energetico hanno anticipato la strada intrapresa dal Gruppo. Con le numerose attività culturali - sia nostre che promosse nell’ambito dei grandi eventi cittadini - espressione del ruolo assegnato alla cultura dalla Banca. Innanzitutto, però, il grattacielo rappresenta il legame imprescindibile con Torino. L’apertura ai torinesi e ai loro ospiti dei piani alti del grattacielo conferma e ravviva ulteriormente questo legame”.
 

Alla presentazione è intervento anche Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rosso, il quale ha rilevato che la partnership con Intesa Sanpaolo nell’iniziativa Imprese Vincenti (dedicata alle migliori realtà imprenditoriali italiane) “ci onora e ci motiva a raggiungere nuovi obiettivi: essere presenti in questa importante iniziativa ne è la prova”.

Articoli correlati