Vai al contenuto principale

Nuove regole europee di definizione di default:
preparati per tempo

Ti aiutiamo a conoscerle in anticipo per affrontare il cambiamento con consapevolezza e gestire al meglio i tuoi rapporti bancari

A novembre il Gruppo Intesa Sanpaolo applicherà le nuove regole europee in materia di classificazione delle controparti inadempienti rispetto a un’obbligazione verso la banca (il cosiddetto “default”), introdotte dalla
European Banking Autority (EBA).

Le nuove linee guida, note come “Nuova Definizione di Default”, stabiliscono criteri e modalità più restrittive in materia di classificazione “a default” rispetto a quelli finora adottati, con l’obiettivo di armonizzare le regole tra i Paesi
dell’Unione Europea
.

Conoscere le nuove regole è fondamentale

I principali cambiamenti da conoscere per evitare di essere classificato a default anche per uno sconfinamento sul conto corrente o per arretrati di pagamento di piccolo importo

Fino a oggi

- La banca classifica il cliente “a default” quando risulta un arretrato di pagamento che rappresenti almeno il 5% del totale delle esposizioni del cliente verso la banca

- Il passaggio a default avviene se tale condizione si protrae per oltre 90 giorni consecutivi

 

- Per evitare di essere classificato a default, la normativa consente la compensazione degli importi scaduti con le disponibilità presenti su altre linee di credito non utilizzate

- Lo stato di default decade a partire dal momento in cui il cliente regolarizza verso la banca l’arretrato di pagamento o rientra dallo sconfinamento di conto corrente

Con le nuove regole

- La banca sarà tenuta a classificare il cliente “a default” quando si verificano entrambe le seguenti condizioni:

• arretrato di pagamento di oltre 100 euro
• che rappresenti più dell’1% del totale delle esposizioni verso la banca

 

- L’automatico passaggio “a default” avverrà se tale condizione si protrae per oltre 90 giorni consecutivi

 

- La normativa non consente più la compensazione d’iniziativa banca. La banca sarà tenuta a classificare il cliente a default anche in presenza di disponibilità su altre linee di credito non utilizzate.

 

- Lo stato di default permarrà per almeno 90 giorni dal momento in cui il cliente regolarizza verso la banca l’arretrato di pagamento su mutui e/o prestiti e/o rientra dallo sconfinamento di conto corrente

 

Le condizioni per classificare il cliente a default saranno valutate a livello di Gruppo bancario.

Classificazione a default: quali conseguenze comporta

Per le nuove regole, anche solo uno sconfinamento di conto corrente superiore a 100 euro protratto per oltre 90 giorni, che rappresenti più dell’1% del totale delle tue esposizioni verso la banca, comporta il passaggio a default di tutte le tue esposizioni e potrebbe rendere più difficile il tuo accesso al credito e la concessione di nuovi finanziamenti.

In caso di rapporti co-intestati come conti correnti o mutui il passaggio a default ha ripercussioni negative per te e i tuoi
co-intestatari.

Ti aspettiamo in filiale

Prendi appuntamento nella tua filiale per condividere le tue esigenze. Siamo a disposizione per aiutarti a capire come gestire con serenità il tuo bilancio familiare. E per trovare con te soluzioni per ottenere una maggiore elasticità di cassa, gestire al meglio il pagamento dei tuoi finanziamenti e utilizzare forme di rateizzazione su misura.

Alcuni consigli per farti trovare pronto

Verifica puntualmente i tuoi rapporti bancari per ottimizzare la gestione del tuo bilancio familiare ed evitare gli impatti delle nuove regole europee:

Previous Next

La normativa di riferimento:

  • Regolamento dell’Unione Europea del 26 giugno 2013 – n. 575 – art. 178
    • introduce specifiche disposizioni sul default di un debitore
  • Regolamento delegato dell’Unione Europea n. 171 del 19 ottobre 2017
    • definisce i criteri per fissare la soglia di rilevanza, a cui si dovranno attenere le autorità di vigilanza

Hai bisogno di aiuto su
Nuove regole di definizione di default per privati - Intesa Sanpaolo?