Vai al contenuto principale

Avviso alla clientela

Libretti di deposito a risparmio al portatore

La normativa FATCA obbliga le banche a segnalare all’Autorità fiscale statunitense (IRS) le informazioni sulle attività finanziarie detenute da clienti “US Person” (soggetti residenti negli USA e/o aventi cittadinanza statunitense). Tra le informazioni da segnalare vi è anche il TIN attribuitole dall’Autorità statunitense (di regola rappresentato, per le persone fisiche, dal SSN – Social Security Number).

Per i rapporti di conto e gli altri rapporti in essere alla data del 1° gennaio 2020, tra cui i libretti di deposito a risparmio al portatore, la segnalazione del TIN diventerà obbligatoria e non più derogabile.

PER RISPETTARE TALE OBBLIGO, I POSSESSORI DI LIBRETTI DI DEPOSITO A RISPARMIO AL PORTATORE CHE SIANO CLIENTI “US PERSON” DEVONO FORNIRE ALLA BANCA IL TIN ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2019, oppure confermare alla Banca la correttezza di quello eventualmente già a suo tempo comunicato.

Per comunicare i dati necessari, i clienti dovranno recarsi presso la propria filiale muniti del libretto di deposito a risparmio al portatore ed il gestore di riferimento fornirà il supporto necessario.

Si rammenta che, in base alla normativa antiriciclaggio (D. Lgs. 231/07, come novellato dal D. Lgs. 90/2017), i libretti al portatore dovevano essere estinti entro il 31/12/2018 (art. 49, comma 12). Pertanto, i portatori dei predetti libretti che dovessero esibirli in filiale, oltre agli aggiornamenti FATCA in parola, non potranno chiedere altra operatività sugli stessi, fatta salva l’estinzione. A fronte dell’estinzione post 31/12/2018, la Banca è però obbligata ad effettuare una comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze (a norma del predetto novellato D. Lgs. 231/07, art. 51), che prevede una sanzione pecuniaria per il cliente, irrogata direttamente dal citato Ministero, compresa fra il minimo edittale di 250 Euro ed il massimo di 500 Euro (art. 63, comma 2).

EVIDENZIAMO CHE, QUALORA IL TIN NON VENGA COMUNICATO ALLA BANCA ENTRO LA DATA DEL 30 NOVEMBRE 2019, A PARTIRE DAL 31.12.2019 I LIBRETTI VERRANNO ESTINTI, SENZA NECESSITÀ DI ULTERIORE COMUNICAZIONE DA PARTE DELLA BANCA.

In tale ipotesi la banca terrà dette somme a disposizione dei clienti per dieci anni a partire dalla data del 31.12.2019.


Nell’eventualità in cui il TIN non sia ancora stato attributo dalla competente Autorità statunitense, il TIN potrà essere richiesto seguendo le istruzioni indicate sul sito internet dell’IRS al link:
https://www.irs.gov/individuals/international-taxpayers/taxpayer-identification-numbers-tin
oppure contattando l’Ambasciata o il Consolato statunitensi. Nel caso in cui il TIN sia già stato richiesto ma non ancora attribuito, entro il 30 novembre 2019 potrà essere presentata la ricevuta di richiesta del TIN rilasciata dall’Ambasciata o dal Consolato.

Si evidenzia infine che, se i possessori di libretto di deposito al portatore avessero nel frattempo rinunciato alla cittadinanza statunitense e/o non fossero più residenti negli USA, è necessario che contattino al più presto la propria filiale al fine di fornire:

  • copia del previsto “Certificate of Loss of US Nationality” o comunque prova dell’avvenuta rinuncia alla cittadinanza statunitense,
  • copia di un documento di identità in corso di validità dal quale risultino cittadinanza non statunitense e residenza in un Paese diverso dagli USA, e
  • Form W-8BEN debitamente sottoscritto.

Questi adempimenti consentiranno di comprovare lo status di soggetto Non-US Person e, di conseguenza, verrà meno l’obbligo di fornire il TIN statunitense.

 

Hai bisogno di aiuto su
Libretti di deposito a risparmio al portatore - Intesa Sanpaolo?