Trasparenza
ABF - Guida Pratica - Arbitro Bancario Finanziario - RC00-01001
Finanziamento MLT - Riequilibrio Agricoltura - FI-1314

Finanziamento Riequilibrio Agricoltura

Vuoi realizzare una ristrutturazione finanziaria dellla tua azienda agricola o agrituristica?

Il finanziamento agricolo a medio-lungo termine di | Intesa Sanpaolo ti sostiene nella ristrutturazione finanziaria della tua azienda, nella ricostituzione delle scorte e dei danneggiamenti per cause naturali.

Il finanziamento a medio termine per l'impresa agricola

Finanziamento Riequilibrio Agricoltura è pensato da Intesa Sanpaolo per le piccole imprese che operano nei settori agricolo, forestale, zootecnico - incluse le aziende che svolgono attività connesse e collaterali - nonchè per le imprese agrituristiche, sempre che l'attività risulti connessa, complementare e subordinata a quella agricola (che deve rimanere principale).


Si tratta di un finanziamento a medio-lungo termine, concesso ai sensi dell'art. 43 del D.Lgs n.385/93 e finalizzato a sostenere ogni tipologia di investimento, sia di esercizio che di miglioramento. Inoltre prevede l'anticipo pluriennale dei premi PAC.


Per durate sino a 5 anni e per tutte le finalità previste dal prodotto occorre valutare l'opzione che consente di perfezionare l'operazione mediante sconto o rilascio di cambiale agraria.


Puoi richiedere Finanziamento Riequilibrio Agricoltura per sostenere progetti di ristrutturazione finanziaria, ricostituzione delle scorte, anticipo pluriennale dei premi PAC e consolidamento di passività onerose:

  • Ristrutturazione finanziaria (sostituzione finanziamenti di altre banche). Ogni finanziamento deve sostituire uno o più finanziamenti aventi il medesimo scopo agrario.L'importo del nuovo finanziamento può essere al massimo pari all'importo del debito residuo in essere del precedente finanziamento.
  • Anticipo pluriennale premi PAC con canalizzazione del contributo AGEA sul conto corrente accesso presso la banca.
  • Ricostituzione danneggiati/scorte: per ricostituire le scorte aziendali distrutte da calamità naturali (ad esempio: grandinate, gelate, trombe d'aria, ecc.), oltre a gravi epidemie (esempio: influenza aviaria, peste suina, ecc.), oppure fitopatologiche (esempio: flavescenza dorata della vite). In caso di successiva erogazione di un finanziamento agevolato con contributi pubblici, il finanziamento ordinario viene proporzionalmente ridotto ovvero estinto a seconda dell'importo del finanziamento agevolato.
  • Consolidamento passività onerose: per ripianare le esposizioni a breve termine, quali aperture di credito in c/c agrario e cambiali agrarie, oppure per consolidare i finanziamenti agrari a medio-lungo termine in regolare ammortamento mediante concessione di un nuovo mutuo a medio-lungo termine.

 

Finanziamento Riequilibrio Agricoltura può essere concesso da Intesa Sanpaolo entro un limite massimo di 750.000 euro con le seguenti modulazioni:

  • max 150.000 euro per finanziamenti danneggiati/scorte
  • max 500.000 euro per finanziamenti non assistiti da garanzie reali
  • max 750.000 euro per finanziamenti con garanzie reali

 

Per finanziamenti anticipo premi PAC: è finanziabile sino all'80% del premio spettante con canalizzazione del contributo AGEA sul conto corrente acceso presso la Banca, per le operazioni sino a 5 anni.


Il finanziamento è cumulabile con eventuali interventi pubblici, purché l'ammontare complessivo non superi il 100% della spesa documentata.


La tipologia di tasso applicata da Intesa Sanpaolo può essere Fisso oppure variabile.


La periodicità delle rate potrà essere di tre tipi:

  • Mensili;
  • Trimestrali
  • Semestrali

 

La durata massima consentita da tale finanaziamento agricolo è in funzione della finalità dell'intervento e andrà da un minimo di 2 anni ad un massimo di 30 anni.


Non è previsto un preammortamento, mentre è consentita l'estinzione anticipata sia parziale che totale. In entrambi i casi ti sarà richiesto un indennizzo contrattualmente pattuito e diversificato, a seconda che il tasso scelto sia fisso o variabile.


Per l'erogazione del Finanziamento Riequilibrio Agricoltura il Cliente deve essere titolare di un conto corrente Intesa Sanpaolo, ad eccezione di professionisti e microimprese(1), queste ultime identificate secondo quanto previsto al D. Lgs 6/9/2005 n° 206.

¹) (D.Lgs 6 settembre 2005 n. 206 Titolo III, Capo I, Art. 18: "..omissis d-bis) "microimprese": entità, società o associazioni, che, a prescindere dalla forma giuridica, esercitano un'attività economica, anche a titolo individuale o familiare, occupando meno di dieci persone e realizzando un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a due milioni di euro, ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 3, dell'allegato alla raccomandazione n.2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003; omissis..").

 

Per maggiori informazioni

Prendi appuntamento
Condividi questa pagina con i tuoi amici!

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Per le condizioni economiche e contrattuali fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili sul sito e presso le filiali di Intesa Sanpaolo .
La concessione dei finanziamenti è soggetta a valutazione ed approvazione della Banca.