Previdenza Complementare

Vogliamo aiutarti a costruire un futuro sereno.

É importante attivare un piano di integrazione pensionistica per cercare di preservare il tuo tenore di vita al termine dell'attività lavorativa.

Vuoi avere un'idea della pensione che potresti avere?

Fai una simulazione veloce.

Previdenza complementare: pensaci oggi.

Le riforme previdenziali, dagli anni '90 a oggi, hanno progressivamente esteso a tutti i lavoratori il metodo contributivo.

La pensione sarà quindi funzione dei contributi obbligatori versati durante l'intera vita lavorativa e, dato l'attuale contesto economico, potrebbe non essere sufficiente a garantirti un futuro sereno.
Noi ti mettiamo e a disposizione la nostra gamma di forme pensionistiche complementari che ti consentiranno di integrare la pensione pubblica.

Pensa oggi al tuo futuro, per  mantenere il tuo stile di vita  anche quando sarai in pensione. Puoi aderire ad un Fondo Pensione Aperto oppure scegliere un Piano Individuale Pensionistico.


Potrai, così beneficiare dei vantaggi fiscali previsti per la previdenza complementare:

  • i contributi versati sono deducibili dal reddito complessivo per un ammontare annuo massimo di 5.164,57 euro.
  • i rendimenti finanziari sono tassati con un'imposta sostitutiva del 20% (al netto della quota investita in titoli di stato italiani ed esteri equiparati che è invece tassata al 12,5%).
  • tassazione pari al 15% dei contributi versati e dedotti, che si riduce dello 0,30% per ogni anno eccedente il 15° fino a raggiungere un'aliquota minima del 9%.
  • esenzione imposta di bollo sul capitale accumulato.
Il Mio Domani

Il Mio Domani

E' il Fondo Pensione Aperto istituito da Intesa SanpaoloVita S.p.A., rivolto a chi vuole costruire la propria pensione complementare con versamenti a proprio carico o sfruttando, ove presente, il contributo del datore di lavoro.

Il Mio Futuro

Il Mio Futuro

E' il Piano Individuale Pensionistico istituito da Intesa Sanpaolo Vita S.p.A. destinato a chi vuole costruire la propria pensione complementare su base individuale attraverso dei versamenti periodici.

  • Flessibilità:
    • puoi scegliere l'importo e la periodicità del tuo piano di accumulo, adattandolo alle tue esigenze. In caso di necessità puoi sospendere il piano di versamenti e riattivarlo liberamente quando vuoi;
    • puoi attivare il "Programma Life Cycle"(*) oppure individuare e modificare autonomamente nel tempo la linea di investimento;
    • puoi chiedere, al momento del pensionamento, una rendita o la liquidazione del capitale fino al 50% di quanto accumulato;
    • puoi definire la tipologia di rendita vitalizia più adatta a te: immediata, reversibile o con controassicurazione (*).
  • Finalità previdenziale:
  • questa tipologia di prodotti prevede significative limitazioni alla possibilità di riscatto o anticipazione della posizione maturata (*);

  • Accessibilità:
  • puoi costruire la tua pensione integrativa contribuendo anche con piccole somme, ad esempio con 50 euro al mese;

  • Fiscalità agevolata:
  • i contributi versati sono deducibili dal reddito complessivo per un ammontare annuo massimo di 5.164,57 euro, con un beneficio fiscale che dipende dalla tua aliquota marginale.

  • Innovazione:
  • con il "Programma Life Cycle" la linea di investimento in cui vengono versati i contributi varia nel tempo in funzione degli anni mancanti alla data di pensionamento, con un profilo di rischio che decresce al diminuire del tempo a disposizione in modo da perseguire una combinazione rischio/rendimento coerente con l'obiettivo previdenziale.
    All'avvicinarsi della pensione, il capitale maturato e la contribuzione periodica vengono trasferiti, in modo graduale ed automatico, su linee meno rischiose.

Life Cycle

 

Tipologie di rendita

Le tipologie di rendita previste nelle nostre forme di previdenza complementare sono:

  1. Rendita vitalizia rivalutabile: prestazione corrisposta da un prodotto di previdenza complementare (a scelta dell'aderente con rate mensili, trimestrali, semestrali, annuali). La rendita è vitalizia, viene cioè erogata finché l'aderente è in vita. L'importo viene rivalutato sulla base delle rivalutazioni offerte annualmente dal fondo a gestione separata in cui la compagnia assicurativa investe il montante previdenziale, a partire dal momento in cui eroga la prestazione pensionistica;
  2. Rendita vitalizia rivalutabile con controassicurazione: rendita vitalizia rivalutabile in cui si prevede che, in caso di prematuro decesso del percettore, si corrisponda il capitale residuo agli eredi/beneficiari designati;
  3. Rendita vitalizia rivalutabile reversibile: è una rendita vitalizia rivalutabile in cui, in caso di morte del percettore, subentrerà un nuovo beneficiario designato che percepirà il trattamento finchè resterà in vita; In questo caso la rendita è calcolata in base alla speranza di vita dei due beneficiari.

 

Forme di previdenza complementare

Le forme di previdenza complementare possono erogare prestazioni di tipo previdenziale (rendita o capitale) o di tipo non previdenziale (anticipazioni e riscatti):

  1. Prestazione pensionistica complementare: viene erogata al raggiungimento dei requisiti di accesso alle prestazioni nel regime di previdenza obbligatoria, con almeno 5 anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari. Può essere erogata in forma di rendita al 100% oppure parzialmente in capitale (fino al massimo del 50% del montante finale accumulato). Se la rendita derivante dalla conversione di almeno il 70% del montante finale è inferiore al 50% dell'assegno sociale (per il 2012 l'importo è 429 euro lordi mensili pari a 5.577 euro annui) , la prestazione può essere fruita interamente in capitale.
  2. Anticipazione: erogazione di una parte del capitale prima che siano maturati i requisiti per il pensionamento, per soddisfare specifiche esigenze dell'iscritto. È ammessa:
    • per spese sanitarie connesse a gravissimi motivi di salute dell'iscritto, del coniuge e dei figli: in ogni momento, fino a un massimo del 75% della posizione;
    • per acquisto o ristrutturazione della prima casa di abitazione, per sé o per i figli: decorsi 8 anni dall'iscrizione e fino a un massimo del 75% della posizione;
    • per altre esigenze dell'iscritto: fino a un massimo del 30%, decorsi 8 anni dall'iscrizione
  3. Riscatto: prestazione erogata in un'unica soluzione, antecedentemente all'accesso al pensionamento, in presenza di specifiche situazioni.
    Si ha riscatto parziale (50% della posizione) per eventi quali l'inoccupazione per periodi compresi fra i 12 e i 48 mesi, il ricorso a procedure di mobilità, la cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria (a 0 ore per 12 mesi oppure seguita da cessazione del rapporto di lavoro).
    Il riscatto totale della posizione individuale è ammesso in caso di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo, in caso di inoccupazione superiore ai 48 mesi e, solo in presenza di adesione collettiva, in caso di perdita dei requisisti di partecipazione alla forma di previdenza complementare.

 
 
 

Strumenti utili

Simulatore previdenza

Lo strumento per calcolare la tua pensione e i vantaggi della previdenza complementare.

Vai al simulatore
Condividi questa pagina con i tuoi amici!


Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Prima dell’adesione  a un prodotto di previdenza complementare leggere le Note Informative e i Regolamenti e, per il PIP, anche le Condizioni Generali di contratto disponibili presso le filiali di Intesa Sanpaolo e sul sito internet dei soggetti istitutori.