Vai al contenuto principale

Offerta Superbonus 110%, Ecobonus e altri bonus fiscali "edilizi"

Intesa Sanpaolo ti supporta nell'esecuzione degli interventi di riqualificazione (edilizia, energetica, di riduzione del rischio sismico) collegati alle agevolazioni previste in tema di Superbonus 110%, Ecobonus e altri bonus fiscali "edilizi".

Comunicazione importante in merito all'inserimento delle richieste

Servizio Intesa Sanpaolo

Presenta i documenti
per la cessione del credito

Servizio Deloitte

Presenta i documenti
per la cessione del credito

Intesa Sanpaolo ti propone tre soluzioni che puoi modulare in base alle tue esigenze per cedere alla banca il credito d’imposta. E ti fornisce anche, se necessario, la liquidità per l’esecuzione dei lavori di riqualificazione (edilizia, energetica, di riduzione del rischio sismico) collegati non soltanto all’agevolazione Superbonus 110%, ma anche agli altri bonus fiscali "edilizi" che beneficiano di agevolazioni inferiori come Ecobonus, Sismabonus, recupero o restauro delle facciate.

 

Le soluzioni proposte:

Cessione del credito d'imposta per crediti già sorti

Per ricevere liquidità, a seguito del completamento dei lavori e del passaggio del credito nel cassetto fiscale della banca

Cessione condizionata del
credito d'imposta

Per cedere il tuo credito di volta in volta in base all’avanzamento lavori, per gli interventi ancora in corso

Finanziamento a stato avanzamento lavori (SAL) + Cessione condizionata del
credito d'imposta

Le somme che ti servono per avviare e completare gli interventi in base all’avanzamento del progetto

Chi può usufruire dell'offerta?

Per richiedere la Cessione del credito di imposta, alla data di sottoscrizione del contratto devi essere titolare di un conto corrente Intesa Sanpaolo da almeno 30 giorni e cedere crediti d’importo superiore a 15.000 euro.

 

Sono tante le categorie che possono usufruire dell'offerta di Intesa Sanpaolo, compreso chi realizza interventi che rientrano nelle detrazioni di percentuale inferiore al 110% già attualmente previste quali Ecobonus e altri bonus fiscali "edilizi".

Scarica l'elenco completo di chi può usufruirne

Quali sono i punti di forza?

Con le soluzioni Intesa Sanpaolo, se hai in programma interventi che ti permettono di beneficiare di un credito d'imposta:

Con la Cessione
del credito d'imposta

non devi attendere il recupero delle tue detrazioni fiscali tramite le quote annuali previste dalla normativa e sai subito quanto ti sarà liquidato

Con il Finanziamento a SAL +
Cessione condizionata del credito d'imposta

hai tutto il supporto finanziario che ti serve, dall'avvio alla conclusione dei lavori, da rimborsare in tutto o in parte con la cessione del credito di imposta, con il contratto pro soluto sottoscritto con la banca

Il Finanziamento a SAL + Cessione condizionata del credito di imposta è previsto per:
Persone fisiche tra i 18 anni e gli 80 anni non compiuti alla scadenza del finanziamento residenti in Italia, Condomìni, Istituti autonomi case popolari (IACP), Cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa, Enti del terzo settore iscritti nei pubblici registri (ONLUS, Organizzazioni di volontariato, APS) che non svolgono attività commerciale.

Tutti i soggetti esclusi dall’offerta Finanziamento a SAL + Cessione in caso di necessità possono comunque rivolgersi in filiale per valutare la migliore soluzione per possibile.

Per usufruire delle agevolazioni fiscali e quindi cedere alla banca il credito di imposta, è necessario completare le attività amministrative previste dalla legge per le diverse tipologie di intervento.

Posso inoltrare in autonomia alla banca i documenti necessari alla richiesta della Cessione del credito?

Sì, certo, per verificare il rispetto dei requisiti e la documentazione necessaria puoi scegliere se utilizzare il Servizio offerto da Intesa Sanpaolo oppure quello di Deloitte che può supportarti in alcuni casi anche nella richiesta del trasferimento alla banca del credito d’imposta maturato.

Verificata la possibilità di usufruire dei benefici fiscali, puoi contattare il tuo gestore per sottoscrivere il contratto di cessione del credito d’imposta.

Se al momento di caricare i documenti sui Portali non risulti titolare di un conto corrente presso Intesa Sanpaolo da almeno 30 giorni, un’email ti avviserà che non hai i requisiti per accedere all’offerta Superbonus, Ecobonus e altri
bonus fiscali "edilizi".

Servizio Intesa Sanpaolo

Puoi caricare tutti i documenti su
un portale dedicato.

Per trasferire sulla piattaforma dell’Agenzia delle entrate il credito d’imposta maturato dal tuo cassetto fiscale a quello della banca puoi affidarti al tuo consulente fiscale (ad esempio il tuo commercialista) o procedere in autonomia.

Servizio Deloitte

La società Deloitte, con il suo network, ti accompagna in tutte le fasi del progetto, con un tutoring specialistico dedicato.

La soluzione prevede anche il trasferimento del credito d’imposta maturato dal tuo cassetto fiscale a quello della banca da parte di Deloitte. Puoi comunque scegliere anche di trasferire il credito d’imposta in autonomia o avvalerti del tuo professionista di fiducia.

 Comunicazione importante in merito all'inserimento delle richieste

È importante considerare che l’inserimento della richiesta di analisi documentale tramite apertura di una pratica nei portali (Servizio Intesa Sanpaolo, Servizio Deloitte) o l’avvio della verifica documentale o il ricevimento delle relative attestazioni da parte del fiscalista incaricato non comportano, nemmeno in via implicita, il successivo certo acquisto dei crediti da parte della nostra banca.

La banca si riserva di accettare il credito a condizione che tutti i documenti presentati siano esaustivi e conformi alla Normativa prevista e sarà consentita previa verifica preliminare dei requisiti di accesso ai bonus fiscali da parte di un consulente di gradimento della
banca stessa.

Cessione del credito d'imposta sui crediti già sorti

Quali crediti puoi cedere

Se hai già sostenuto a tue spese il costo dei lavori sull’edificio o sul condominio e vuoi cedere a Intesa Sanpaolo i crediti d’imposta riferiti agli interventi già iniziati o eseguiti, la banca ti accredita una somma pari all’agevolazione fiscale meno la percentuale prevista per l’acquisto del bonus

Quanto puoi ricevere

La percentuale di acquisto per la cessione del credito è calcolata sull’aliquota del bonus previsto per i lavori realizzati e varia in base a:

  • numero di anni stabiliti dalla normativa fiscale per il recupero fiscale del credito
  • data di sottoscrizione del contratto di cessione

La soluzione prevede:

  • nessun finanziamento (sei tu a sostenere a tue spese il costo dei lavori per poter ottenere il beneficio fiscale)
  • la cessione del credito d’imposta a Intesa Sanpaolo a fine lavori
  • il pagamento anticipato dell’importo relativo al credito d’imposta maturato e riferito alla spesa sostenuta, senza dover attendere le quote di detrazione annuali previste dalla normativa di riferimento


Intesa Sanpaolo si impegna a mantenere invariato il prezzo di acquisto del tuo credito d’imposta, maturato nelle modalità previste dalla legge.

 

Scopri qui le caratteristiche del corrispettivo di cessione e la modalità di pagamento 

 

Cessione condizionata del credito d'imposta

Quali crediti puoi cedere

Se stai pianificando degli interventi, ma non hai ancora avviato i lavori e hai valutato un credito d’imposta stimato, puoi decidere di cedere il tuo credito alla banca anche prima che il credito maturi

Quanto puoi ricevere

La percentuale di acquisto per la cessione del credito, calcolata sull’aliquota del bonus previsto per i lavori realizzati, varia in base a:

  • numero di anni stabiliti dalla normativa fiscale per il recupero fiscale del credito
  • data in cui si verificano le condizioni sospensive previste dal contratto

Il contratto è efficace solo se le condizioni sospensive pattuite si avverano entro 31 dicembre 2023, fermo restando il rispetto dei termini di legge previsti per poter usufruire degli specifici bonus fiscali.

Le persone fisiche possono accedere all’offerta della Cessione Condizionata solo per crediti d’imposta pari o superiori a 50.000 euro.

Nel caso in cui il valore del contratto di appalto aumenti di più del 5%, con conseguente aumento dell’ammontare del credito d’imposta a esso collegato, la banca può risolvere il contratto di cessione ai sensi dell’art. 1456 c.c. dandone comunicazione scritta al Cedente.

La cessione del credito, come previsto dall’art.121 del Decreto Rilancio, può avvenire anche a Stato Avanzamento Lavori (SAL). I SAL non potranno essere più di due, ciascuno riferito almeno al 30% dell’intervento che si chiuderà con la fine lavori.

Con la cessione condizionata del credito d’imposta il prezzo è applicato a tutti i crediti ceduti, a patto che si siano verificate le condizioni sospensive previste nel contratto e fermo restando il rispetto dei termini di legge previsti per poter usufruire degli specifici bonus fiscali. Per conoscere la percentuale di acquisto in vigore, consulta il Foglio informativo di riferimento disponibile al fondo della pagina.

 

Scopri qui le caratteristiche del corrispettivo di cessione e la modalità di pagamento 

PerTe Ecobonus - Finanziamento a SAL + Cessione condizionata del credito d'imposta
 

Se hai programmato lavori che potrebbero generare un credito d’imposta, puoi richiedere un supporto finanziario per avviare i lavori sull’edificio o condominio (per il tramite del tuo amministratore) e utilizzare il tuo credito fiscale maturato e ceduto alla banca per rimborsare il finanziamento in tutto o in parte.

In tal caso, non dovrai anticipare a tue spese i soldi per i lavori perché la soluzione di finanziamento prevista è quella del finanziamento a SAL (Stato Avanzamenti Lavori) che ti permette di ottenere l’importo previsto per sostenere gli interventi, suddiviso in tranche in corrispondenza degli acconti che dovrai pagare al fornitore che realizza i lavori. Il primo acconto non può superare il 20% del deliberato. Per accedere all’offerta e avviare l’istruttoria del finanziamento a SAL, contatta la tua filiale di riferimento dopo aver effettuato il caricamento dei documenti sulla piattaforma Intesa Sanpaolo o Deloitte per verificare la cedibilità del credito d’imposta.

Le persone fisiche tra i 18 anni e gli 80 anni non compiuti alla scadenza del finanziamento e residenti in Italia possono accedere all’offerta del finanziamento a SAL e della Cessione Condizionata solo per crediti d’imposta pari o superiori a 50.000 euro.

 

La soluzione modulare prevede:

  • un finanziamento a SAL

     -

il finanziamento è unico anche nel caso in cui decidi di realizzare, in aggiunta a una delle iniziative "trainanti" (Superbonus 110%), altri interventi delle tipologie che beneficiano di bonus inferiori

     -

ogni qualvolta il fornitore emette la fattura, ottieni l’importo per pagare i lavori. Se la prima tranche di erogazione è relativa alla fattura di acconto, l’importo massimo erogabile è pari al 20% dell’importo finanziato

     -

la cessione condizionata del credito d’imposta a Intesa Sanpaolo, che può avvenire a Stato Avanzamento Lavori - SAL

  • la chiusura del finanziamento a SAL

     -

prevista a fine lavori e a fronte della cessione del credito d’imposta maturato alla banca. Se la cessione del credito d’imposta maturato non copre l’intero ammontare del finanziamento a SAL o il credito non può essere ceduto (ad esempio perché i lavori sono stati eseguiti solo parzialmente o non sono stati raggiunti gli obiettivi previsti dal progetto), puoi scegliere se mettere in ammortamento la parte restante o estinguere il debito residuo con la tua liquidità

Nel caso di cliente condominio, per procedere con l’attivazione del finanziamento è necessaria la preventiva autorizzazione dell’assemblea condominiale.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale
Per le condizioni contrattuali dei finanziamenti citati consulta i Fogli Informativi disponibili nelle filiali e sul sito internet di Intesa Sanpaolo.
La concessione dei finanziamenti è soggetta all’approvazione della banca.
La fruizione del servizio a supporto della clientela per la raccolta/verifica/certificazione della documentazione per richiedere la Cessione del Credito d’imposta prestato dalle società del network Deloitte è facoltativo, non vincolante rispetto all’eventuale concessione del credito ed è fornito direttamente dalle società del network Deloitte (Studio Tributario e Societario – Deloitte Società tra Professionisti Srl e Deloitte Consulting Srl). A tale rapporto, che si perfeziona direttamente tra la menzionata società ed il cliente interessato, la Banca è del tutto estranea ed è quindi esclusa ogni sua responsabilità per le attività svolte dalle società del network Deloitte.