Vai al contenuto principale

Nuova liquidità per PMI e Imprese

Tutte le novità introdotte dalla conversione in legge del Decreto Liquidità n° 23 per i finanziamenti sostenuti dal Fondo di Garanzia PMI. Dall’ampliamento dell’importo fino a 30.000 euro all’estensione della durata a 120 mesi, validi anche per i finanziamenti della specie già erogati prima della legge di conversione.

Al fianco delle aziende italiane

Con la conversione in Legge 40 del 5 giugno 2020 del Decreto Liquidità n. 23 dell’8 aprile 2020 sono state ampliate le opportunità offerte per favorire l’accesso al credito – garantito dal Fondo di Garanzia – di imprese, lavoratori autonomi, professionisti finalizzate a sostenere la continuità aziendale.

Principali novità introdotte

Il finanziamento fino a 25.000 euro è stato ampliato fino a 30.000 euro
e la durata è stata estesa da 72 a 120 mesi

Se non hai ancora chiesto il finanziamento, puoi richiedere:

  • Importo fino a 30.000 euro
  • Durata fino a 120 mesi 

 

Anche se sei un agente di assicurazione, subagente di assicurazione e broker

Se hai già richiesto in questi mesi il finanziamento fino a 25.000 euro, puoi richiedere:

  • Caso A - l’estensione della durata del finanziamento originario  
  • Caso B - l’aumento dell’importo finanziato con un nuovo finanziamento aggiuntivo
  • Caso C - l’estensione della durata del finanziamento originario e l’aumento dell’importo finanziato con un finanziamento aggiuntivo

Quali sono i finanziamenti garantiti dal Fondo di Garanzia

A seguito della conversione in legge del DL Liquidità, sono previste due opzioni di finanziamento:

  • finanziamento fino a 30.000 euro per:

     -

PMI, artigiani, professionisti o chi in generale esercita un’attività d’impresa, comprese le persone fisiche in possesso di Partita IVA che esercitano arti e professioni per le quali non è prevista l’iscrizione ad un Albo o Ordine Professionale riconosciuto

 

     -

agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker iscritti alla rispettiva sezione del Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi, associazioni professionali e società tra professionisti

 

     -

enti del Terzo settore, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, esercenti attività di impresa o commerciale, anche in via non esclusiva o prevalente o finalizzata all'autofinanziamento*

 

Se sei già nostro cliente puoi richiedere il finanziamento online, senza andare in filiale.

  • finanziamento fino a 5 milioni di euro per:

     -

imprese fino a 499 dipendenti

* Le risorse destinate dall’art. 12-bis della L. 40 del 5 giugno 2020 al Fondo di garanzia per la copertura dei Finanziamenti fino a 30.000 euro per il Terzo settore sono pari a euro 100 milioni.

Quanto costa la garanzia?

La garanzia è a titolo gratuito, come previsto dal decreto liquidità per le garanzie concesse entro il 31 dicembre 2020.

Scopri le caratteristiche del finanziamento e come richiederlo

Finanziamento fino a 30.000 euroLa garanzia del Fondo di Garanzia copre fino al 100% del finanziamento.

Il finanziamento ha queste caratteristiche:

Durata massima

120 mesi

Preammortamento

Minimo 24 mesi fino ad un massimo di 36 mesi

Importo

Non superiore a uno dei due seguenti parametri, alternativi tra loro:

il 25% del fatturato

oppure:

il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile (compresi gli oneri sociali e il costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti)

come risultante dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata ovvero da altra idonea documentazione, anche mediante autocertificazione

Ai fini della determinazione dei limiti del finanziamento erogabile agli enti del Terzo settore, per ricavi si intende il totale dei ricavi, rendite, proventi o entrate, comunque denominati, come risultanti dal bilancio o rendiconto approvato dall’organo statutariamente competente per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019 o, in mancanza, dal bilancio o rendiconto approvato dall’organo statutariamente competente per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2018.

Periodicità rata

mensile

Tasso

Condizioni di tasso di favore come previste dal Decreto Liquidità n. 23

Possono essere richiesti più finanziamenti per azienda, purché l'importo complessivo richiesto non sia superiore ai parametri di cui sopra e comunque non superiore ai 30.000 euro.

 

La garanzia potrà essere richiesta in caso di finanziamento di nuova concessione. La concessione è soggetta alla valutazione della banca.

 

Come faccio a richiedere il finanziamento?

Se sei cliente Intesa Sanpaolo, titolare di Partita IVA, puoi richiedere il finanziamento, senza andare in filiale, inviando tutti i documenti sotto elencati alla casella di posta certificata (PEC) dedicata  credito@pec.intesasanpaolo.com:

 

Modulo richiesta e Proposta contrattuale

  • Allegato 4 bis - Modulo richiesta agevolazione, contenente tutte le autocertificazioni necessarie, da scaricare e salvare sul tuo pc senza cambiare il nome del file prima di procedere alla compilazione, specificando al punto 13 la finalità per cui si richiede il finanziamento: esempio liquidità per pagamento stipendi, liquidità per pagamento fornitori, liquidità per scorte. Una volta compilato, stampa il modulo e firmalo ove indicato.
    Scarica, salva sul tuo pc e compila l'Allegato 4bis

  • Proposta contrattuale da scaricare e salvare sul tuo pc senza cambiare il nome del file prima di procedere alla compilazione. Tutte le istruzioni per la compilazione sono all’interno di questo file. Una volta compilato, stampa il modulo e firmalo ove indicato.
    Scarica, salva sul tuo pc e compila la Proposta Contrattuale

Altri documenti necessari per inoltrare la richiesta

  • Copia del documento di riconoscimento in corso di validità dei fimatari

 

Scansiona questi documenti e inviali, insieme a tutto il resto alla seguente casella PEC 
credito@pec.intesasanpaolo.com
Una volta inviata la documentazione riceverai una conferma di presa in carico della tua richiesta.
La Banca si riserva di richiedere ulteriori documenti necessari all’aggiornamento della tua posizione come cliente nei propri archivi.

 

La tempistica media stimata dalla Banca per l'evasione positiva della richiesta di finanziamento è di 8 giorni dalla ricezione della documentazione completa (dato rilevato al 30.06.2020 e soggetto ad aggiornamento).

  Istruzioni per l’invio della documentazione

  • Stampa, compila e firma ove indicato il Modulo di richiesta agevolazione e la Proposta contrattuale
  • Copia il testo che trovi nel PDF e incollalo nella mail che ci invierai (apri il PDF)
  • Scrivici dal tuo indirizzo di posta elettronica (ordinaria o certificata), e non utilizzare un indirizzo (mail o PEC) di un soggetto terzo.
  • Tutti i documenti richiesti devono essere unicamente in formato PDF e con una dimensione massima complessiva di 15 Mega. I singoli PDF devono essere tutti allegati all'email: non è possibile utilizzare servizi di trasferimento file su internet (esempio WeTransfer).
  • Nell’oggetto della mail riporta sempre la Partita IVA/CF e la denominazione del richiedente (condizione indispensabile per la lavorazione della pratica) ed effettua un unico invio comprensivo di tutto

Ho già chiesto un finanziamento fino a 25.000 euro,
come posso beneficiare delle nuove opportunità?

Per te che hai già richiesto in questi mesi un finanziamento fino a 25.000 euro con durata massima di 72 mesi, la Legge n. 40 del 5 giugno 2020, riserva due opportunità che potrai utilizzare separatamente o congiuntamente in base alle tue esigenze.

Caso A

 

Estensione durata
del finanziamento originario

Caso B

 

Aumento dell’importo
finanziato con un nuovo
finanziamento aggiuntivo

Caso C

 

Estensione della durata
del finanziamento originario e aumento
dell’importo
 finanziato con un
finanziamento aggiuntivo

 

In questo caso dovrai mandare
due richieste separate seguendo
i rispettivi processi

Caso A

 

Estendi la durata del finanziamento

Se hai già beneficiato di un primo finanziamento e ti serve più tempo

 

Puoi estendere la durata fino a 120 mesi del tuo precedente finanziamento fino a 25.000 euro.

 

Dal primo agosto 2020 è necessario contattare il proprio gestore di riferimento.

Caso B

 

Richiedi un finanziamento aggiuntivo

Se hai già beneficiato di un primo finanziamento e ti serve più liquidità

 

Puoi richiedere direttamente online un nuovo finanziamento aggiuntivo e aumentare fino a 30.000 euro la tua iniziale richiesta, inviando tutti i documenti sotto elencati alla casella di posta certificata (PEC) credito@pec.intesasanpaolo.com:

Modulo richiesta e Proposta contrattuale

  •  Allegato 4 bis - Modulo richiesta agevolazione, contenente tutte le autocertificazioni necessarie, da scaricare e salvare sul tuo pc senza cambiare il nome del file prima di procedere alla compilazione, specificando al punto 13 la finalità per cui si richiede il finanziamento: esempio liquidità per pagamento stipendi, liquidità per pagamento fornitori, liquidità per scorte. Una volta compilato, stampa il modulo e firmalo ove indicato.
    Scarica, salva sul tuo pc e compila l'Allegato 4bis
  • Proposta contrattuale da scaricare e salvare sul tuo pc senza cambiare il nome del file prima di procedere alla compilazione. Tutte le istruzioni per la compilazione sono all’interno di questo file. Compila, stampa e firma il modulo ove indicato.
    Scarica e compila la Proposta contrattuale
  • Copia il testo che trovi nel PDF e incollalo nella mail che ci invierai (apri il PDF)

 

Altri documenti necessari per inoltrare la richiesta

  • Copia del documento di riconoscimento in corso di validità dei firmatari

Scansiona questi documenti e inviali, insieme a tutto il resto alla seguente casella PEC credito@pec.intesasanpaolo.com

Una volta inviata la documentazione riceverai una conferma di presa in carico della tua richiesta

 

La tempistica media stimata dalla Banca per l'evasione positiva della richiesta di finanziamento è di 8 giorni dalla ricezione della documentazione completa (dato rilevato al 30.06.2020 e soggetto ad aggiornamento).

Caso C

 

Estendi la durata del finanziamento originario e richiedi un nuovo finanziamento aggiuntivo

Se hai già beneficiato di un primo finanziamento e ti serve più liquidità e più tempo

 

In questo caso dovrai mandare due richieste separate seguendo separatamente i processi previsti per i casi A e B

Istruzioni per l’invio della documentazione

  • Scrivici dal tuo indirizzo di posta elettronica (ordinaria o certificata), e non utilizzare un indirizzo (mail o PEC) di un soggetto terzo.
  • Tutti i documenti richiesti devono essere unicamente in formato PDF e con una dimensione massima complessiva di 15 Mega. I singoli PDF devono essere tutti allegati all’email: non è possibile utilizzare servizi di trasferimento file su internet (esempio WeTransfer).
  • Nell’oggetto della mail riporta sempre la Partita IVA/CF e la denominazione del richiedente (condizione indispensabile per la lavorazione della pratica) ed effettua un unico invio comprensivo di tutto.

Sei cliente Intesa Sanpaolo e hai un conto corrente
che presenta uno sconfino?

In questo caso, l’accredito diretto del finanziamento sul conto ridurrebbe l’importo effettivamente a disposizione per le tue esigenze.
 

Al fine di erogare il finanziamento evitando tale effetto, la banca ha previsto l’erogazione del finanziamento mediante consegna di un assegno circolare a tuo nome di pari importo che potrai ritirare in filiale. L'IBAN fornito sarà utilizzato esclusivamente per l’addebito delle rate.

Finanziamento fino a 5 milioni di euroLa garanzia del Fondo di Garanzia copre fino al 90% del finanziamento.

Il finanziamento ha queste caratteristiche:

Durata massima

72 mesi

Preammortamento

Minimo 0 fino ad un massimo 36 mesi

Importo

Non superiore a uno dei tre seguenti parametri, alternativi tra loro:

il 25% del fatturato 2019

oppure:

il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile (compresi gli oneri sociali e il costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti) ; nel caso di imprese costituite a partire dal 1° gennaio 2019, l'importo massimo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività

oppure:

fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento:

- nei successivi 18 mesi, nel caso di PMI
- nei successivi 12 mesi, nel caso di imprese diverse da PMI, con numero di dipendenti non superiore a 499.

In questo caso devi presentare una apposita autocertificazione che attesti questo fabbisogno

La concessione del finanziamento è soggetta alla valutazione della banca.

Hai ricavi fino a 3.200.000 euro?

Per le imprese con ricavi fino a 3.200.000 euro, la garanzia del Fondo sul nuovo finanziamento può raggiungere il 100% con l’intervento di un Confidi (o altri soggetti abilitati al rilascio di garanzie).
Puoi quindi scegliere tra queste due opzioni:

 

Garanzia 90%

Garanzia 100% con l’intervento
di un Confidi

Dipendenti impresa

Fino a 499

Fino a 499

Fatturato impresa

Nessun limite

Massimo 3.200.000 euro

Importo massimo finanziamento

Non superiore a uno dei tre seguenti parametri, alternativi tra loro:

- il 25% del tuo fatturato 2019

- il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile*

- il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento nei successivi 12 o 18 mesi*

Non superiore a uno dei due seguenti parametri, alternativi tra loro:

- il 25% del tuo fatturato 2019

- il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile*





* vedi le caratteristiche del finanziamento complete riportate nel paragrafo sopra

Come faccio a richiedere il finanziamento?

Per richiedere la garanzia, dovrai fornire alcuni documenti e in particolare:

  • la richiesta di ammissione del finanziamento al Fondo di Garanzia tramite compilazione del modulo Allegato 4 - Garanzia diretta – Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale, disponibile sul sito del Fondo di Garanzia, con particolare attenzione alla sezione dedicata all'autocertificazione dei danni subiti a causa dell’epidemia COVID
  • i documenti di bilancio o un documento fiscale, necessari per definire la congruità del finanziamento rispetto ai ricavi prodotti dalla tua azienda

 

Se sei già cliente, contatta telefonicamente il tuo gestore. Le richieste possono essere avanzate anche a distanza, tramite un processo di scambio di informazioni previa verifica dei consensi privacy.

 

Se non sei cliente, contatta telefonicamente la filiale a te più comoda per fissare un appuntamento.

 

Ho già un finanziamento,
posso accedere alla garanzia dello Stato? 

Se il finanziamento è stato perfezionato ed erogato dopo il 31 gennaio 2020 puoi richiedere, anche sul finanziamento in essere ed entro 3 mesi dall'erogazione, la copertura della garanzia nel rispetto degli stessi parametri di accessibilità per i nuovi finanziamenti, beneficiando così di una riduzione del tasso precedentemente contrattualizzato.

 

In ogni caso, è possibile accedere a ulteriori nuovi finanziamenti con garanzia dello Stato a condizione che l’importo cumulato sulla quota garantita di tutti i finanziamenti in essere non superi il limite complessivo previsto secondo le regole del Fondo di Garanzia e/o di SACE.

 

L’opzione non è applicabile ai finanziamenti con garanzia 100% - cioè quelli di cui all’art 13 comma 1 lett. m) DL 23 dell’8 aprile 2020 convertito in Legge 40 del 5 giugno 2020.

 

Specificità per imprese del settore agricolo

Il Decreto Legge Liquidità n. 23 dell’8 aprile 2020 ha individuato ISMEA come ente statale abilitato al rilascio di garanzie gratuite per assistere le aziende agricole e della pesca.


Per richiedere il finanziamento per liquidità fino a 30.000 euro con garanzia 100% (art. 13, comma 1, lettera m del decreto Liquidità), garantito da ISMEA, sono necessari i seguenti documenti:

e in più:

  • Se sei una società di capitali o una cooperativa: l’ultimo bilancio depositato
  • Se sei un’azienda agricola che non ha l’obbligo di redigere il bilancio: l’ultima dichiarazione IVA
  • Se sei un’azienda agricola che opera in contratto di soccida: copia delle comunicazioni periodiche dell’ultimo anno di riferimento trasmesse dal soccidante e attestanti gli importi riconosciuti al soccidario, più la dichiarazione IVA se svolge altra attività agricola (entrambe riferite allo stesso periodo di imposta)

Contatta telefonicamente il tuo gestore per conoscere l’indirizzo di posta certificata (PEC) della filiale al quale inviare tutti i documenti necessari, utilizzando un tuo indirizzo di posta certificata (PEC).


Puoi rivolgerti alla filiale anche per richiedere le altre tipologie di finanziamento.

Parliamone insieme

Altre soluzioni aggiuntive a supporto
del business a tua disposizione

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Per le condizioni contrattuali dei finanziamenti fai riferimento al Foglio informativo n.194 di Crescita Impresa allegato nella presente pagina.
La concessione dei finanziamenti è soggetta alla valutazione della banca.