Vai al contenuto principale

Pegno rotativo su vino DOC e DOCG

Trasforma i tuoi prodotti pregiati in un finanziamento o più liquidità

Con il Pegno rotativo, il tuo prezioso vino custodito in cantina diventa opportunità
per ottenere maggiori risorse finanziarie.

 

Previous Next

Cos’è il pegno rotativo su Vino DOC e DOCG?

Il Pegno Rotativo su Vino DOC e DOCG è pensato per sostenere le aziende che producono vini d’eccellenza caratterizzati da un periodo di invecchiamento e dalla presenza di un disciplinare con precisi criteri di produzione.

 

Questa nuova linea di sostegno al credito utilizza il “pegno rotativo”, strumento inizialmente disponibile solo per formaggi e prosciutti soggetti a stagionatura, esteso anche ai prodotti vitivinicoli DOC/DOCG e IGT dal Decreto Ministeriale MIPAAF del 23 luglio 2020 pubblicato in GU N.215 del 29 agosto del 2020 (Cura Italia), con lo scopo di fornire un sostegno alle imprese colpite dal crollo dei consumi nel settore Food & Beverage a seguito dell’emergenza Covid-19.

Se investi sul patrimonio della tua azienda puoi:


sostenere l’invecchiamento dei tuoi vini con un finanziamento che prevede una durata fino a 6 anni


ottenere nuova liquidità senza dover rinunciare alla gestione o movimentazione della cantina durante tutto il ciclo produttivo

Che requisiti devo avere per sottoscrivere il finanziamento assistito da pegno rotativo su vino DOC e DOCG?

Per sottoscrivere il finanziamento assistito da pegno rotativo su vino è necessaria la presenza di:

  • vino (sfuso o imbottigliato), certificato o non, che si trovi ancora in affinamento o invecchiamento come previsto dal disciplinare
  • quotazioni nei mercuriali pubblici della locale CCIAA (o in alternativa comunicazione dei prezzi rilevati da parte del Consorzio di Tutela) per l’annata data in pegno
  • un Organismo di Controllo autorizzato MIPAAF che rilasci l’attestazione quali-quantitativa del vino dato a pegno
  • una polizza assicurativa che copra dai rischi di incendio, scoppio e eventi atmosferici nei locali in cui è custodito il vino

Potrebbero interessarti...

  • Al vino messo a pegno verrà applicato uno scarto del 30% o del 50% sulla base della Denominazione di Origine a cui appartiene. Il prezzo medio all’origine del vino oggetto del pegno è rilevato al momento della costituzione dal mercuriale della CCIA o, in alternativa, dalla stima del competente Consorzio di Tutela.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Per le condizioni contrattuali dei prodotti e servizi leggi i Fogli Informativi disponibili e nelle filiali e sul sito internet della banca www.intesasanpaolo.com. La concessione dei finanziamenti è soggetta alla valutazione e all’approvazione della banca.