Vai al contenuto principale

Resto al Sud

L’incentivo pensato per i giovani che vogliono diventare gli imprenditori o i liberi professionisti di domani senza lasciare la propria terra.


Messaggio pubblicitario con finalità promozionale

Un gruppo di amici, mille progetti: aprire un’attività, essere artefici del proprio successo e fare qualcosa di concreto per la propria terra, là dove sono le radici più profonde. Esistono contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati che permettono di coprire il 100% delle spese documentate, nel limite dell’importo finanziabile. Un sogno? …un’opportunità!

Ti riconosci? Raccogli la sfida di Resto al Sud

Previous Next

Tutti i vantaggi di Resto al Sud

Ciascun giovane può ricevere fino a un massimo di 60.000 euro se esercita la sua impresa in forma individuale (con un solo soggetto).
Se invece il progetto imprenditoriale è proposto da più soggetti, sarà possibile richiedere fino a 50.000 euro per ogni soggetto
fino a un massimo di 200.000 euro.
 

L’agevolazione prevista da Resto al Sud è articolata in tre strumenti:

Contributo a fondo perduto
pari al 50%

delle spese ammissibili erogato da Invitalia

Finanziamento bancario
pari al 50%

delle spese ammissibili con una durata di 8 anni (di cui 2 di preammortamento). Garantito all’80% dal Fondo Centrale di Garanzia per le PMI – sezione speciale.

Contributo in
conto interessi

a copertura degli interessi sul finanziamento bancario a carico di Invitalia, che li restituirà direttamente al cliente

 

Come funziona l’agevolazione?

Vediamo insieme l’esempio di un progetto proposto da due soggetti:

100.000 euro
Immaginiamo un progetto imprenditoriale proposto da te e un altro giovane: in due potete richiedere fino a 100.000 euro per la vostra attività

50.000 euro
Invitalia eroga il 50% dell’importo complessivo del progetto (ovvero 50.000 euro) a fondo perduto

50.000 euro
La banca eroga il restante 50%
(ovvero 50.000 euro) con un finanziamento
della durata di 8 anni
(di cui 2 di preammortamento)

40.000 euro
Il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI – sezione speciale garantisce fino a 40.000 euro del finanziamento bancario

Interessi
Gli interessi sui 50.000 euro erogati dalla banca sono a carico di Invitalia, che te li restituirà direttamente

200.000 euro
Nel caso in cui il progetto sia proposto da 4 o più giovani sarà comunque possibile richiedere massimo 200.000 euro

Cosa può fare Intesa Sanpaolo per il tuo progetto

Intesa Sanpaolo ti supporta con soluzioni di finanziamento, quali Crescita Impresa e NeoImpresa, opportunamente modulate per rispondere alle caratteristiche dell’iniziativa, che puoi richiedere dopo la valutazione positiva della domanda da parte di Invitalia. Il finanziamento ha una durata di 8 anni (di cui 2 di preammortamento) al tasso pari all’IRS a 8 anni del giorno di delibera più spread 3%.

Una volta deliberato il finanziamento:

La banca ti comunica
l'esito della delibera

La banca ti rilascia Comunicazione di esito di delibera (Modello A) per attestare a Invitalia l’avvenuta concessione del finanziamento bancario, in cui sarà riportato il tasso IRS a 8 anni più lo spread del 3% che la banca si impegna a usare per la definizione del tasso di interesse applicato al finanziamento

Invitalia comunica
la concessione

Invitalia comunica alla banca il Provvedimento di concessione, che dovrai controfirmare




 

Dopo aver ricevuto il Provvedimento di concessione dovrai:

Domiciliare
l'erogazione

Domiciliare presso la banca l’erogazione del contributo in conto interessi, conferendo un mandato irrevocabile all’incasso (Modello B)


Conferire
il mandato

Conferire alla banca un mandato irrevocabile per il pagamento degli interessi, utilizzando il contributo agevolato erogato da Invitalia sul tuo conto corrente vincolato (Modello C)
 

Cosa devi fare per ottenere il finanziamento

Per ottenere il finanziamento bancario devi presentare alla banca copia della Comunicazione di ammissione.
Inoltre, come stabilito dalla convenzione Resto al Sud, è prevista l’apertura di:

un conto dedicato all’erogazione del finanziamento bancario e al versamento del contributo a fondo perduto

Promozione in corso: primi 3 mesi gratis,
poi 10 euro al mese fino al 24° mese
(anziché 30 euro al mese)

un conto vincolato indisponibile, per il versamento del contributo in conto interessi da parte di Invitalia

Canone gratuito
 
 

Cosa devi fare per presentare la domanda

È possibile presentare la domanda solo online sul sito di Invitalia. Per farlo devi:

registrarti sul sito
www.invitalia.it


possedere una
firma digitale

 

avere indirizzo di
posta certificata (PEC)

 

Il bando è aperto dal 15 gennaio 2018 fino ad esaurimento fondi. La legge 30 dicembre 2018 n. 145 art. 1 comma 601 ne ha esteso i benefici ai soggetti con età inferiore a 46 anni e alle iniziative libero professionali e il D.L. n° 123 del 24 ottobre 2019 art. 5 ha ricompreso anche i Comuni di Lazio, Marche e Umbria colpiti dal sisma del 2016. Inoltre il DL 34, convertito in
L. 77/2020, introduce l’aumento dell’importo richiedibile fino a 60.000 euro per aziende costituite in forma individuale (con un solo soggetto).

Ricorda che non si tratta di un click day: ciò significa che non vengono premiati i più veloci, ma ogni proposta viene valutata da Invitalia entro 2 mesi dall’invio e prevede una valutazione del possesso dei requisiti di accesso al bando e una valutazione di merito del progetto stesso.
Quindi preparala con cura!

Hai bisogno di aiuto per inviare la domanda?

Puoi rivolgerti a uno degli enti accreditati con Invitalia, che forniscono assistenza gratuita per preparare il progetto imprenditoriale e la richiesta di finanziamento.

  

Le attività imprenditoriali per la produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura e per la fornitura di servizi alle imprese e alle persone come le attività di ristorazione, turistiche, editoriali, assistenza sanitaria, di produzione audio video o di formazione.
E le iniziative libero-professionali.


Qualche esempio?

Organizzazione o catering per eventi, parrucchieri, agenzia di viaggio, b&b,
palestre, studi di tatuaggio, saloni di estetica, lavanderie, toeletta per animali, scuole di danza o di sport.
Ma anche avvocato, architetto, geologo o medico.    

Sono escluse dall'agevolazione le attività agricole e il commercio.
 

Per maggiori dettagli sulle esclusioni consulta la sezione Normativa del sito di Invitalia.

Cos’altro devi sapere per presentare la domanda

  • Se risiedi in Italia ma non nelle Regioni previste dall'iniziativa, o all’estero puoi partecipare comunque: hai tempo 60 giorni dalla comunicazione dell’esito della domanda per trasferire la residenza in una delle Regioni indicate. Se risiedi all'estero c’è ancora più tempo: fino a 120 giorni.
  • Hai appena costituito una società? Le società, anche cooperative, e le ditte individuali costituite dopo il 21 giugno 2017 possono comunque presentare la domanda.
  • Non puoi essere titolare di alcuna ulteriore attività di impresa
  • Non puoi essere assunto a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento
  • Non puoi aver beneficiato, negli ultimi tre anni, di agevolazioni a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità
  • Se vuoi avviare una libera professione, non devi risultare titolare di Partita Iva per l'esercizio di un'attività analoga a quella proposta, nei 12 mesi precedenti la presentazione della domanda

 

Specificità per imprese già beneficiarie della misura agevolativa Resto al Sud danneggiate dall’emergenza Covid-19

Il  decreto Rilancio n. 34 del 19 maggio 2020, convertito in Legge n. 77 del 17 Luglio, ha introdotto un ulteriore contributo a fondo perduto per mitigare eventuali crisi di liquidità e salvaguardare la continuità aziendale e i livelli occupazionali delle imprese beneficiarie della misura agevolativa Resto al Sud danneggiate dall’emergenza Covid-19.

Vuoi un supporto per cogliere al meglio questa opportunità?

Parliamone insieme: troverai una persona esperta pronta ad ascoltarti e
a darti le informazioni che ti servono.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Per le condizioni contrattuali dei prodotti e servizi citati leggi i Fogli Informativi di Crescita Impresa, NeoImpresa e Conto BusinessInsieme disponibili nelle filiali e sul sito internet della banca www.intesasanpaolo.com. La vendita dei prodotti e dei servizi e la concessione dei finanziamenti sono soggette alla valutazione e all’approvazione della banca.

Esempio calcolato al 30.01.2020
Gli indicatori di Costo Complessivo del Credito sono calcolati sulla base dell'anno civile (365 giorni) su un finanziamento di durata 8 anni (di cui 2 anni di preammortamento) ed importo di 64.195,15 euro richiesto da una società composta da due persone. Sono state considerate, oltre alle voci di costo che compongono il TAEG, come esposte sul Foglio Informativo Crescita Impresa, anche il conto corrente*.

* Sono ricompresi il canone mensile del conto corrente di erogazione pari a € 10 e la quota mensile dell'imposta di bollo pari a € 2,85.

SOGGETTO 1:
Importo del finanziamento: 64.195,15 euro
Durata: 8 anni (di cui 2 di preammortamento)
Rata semestrale: 5.349,60 euro
Tan: 2,97%
Spese di istruttoria: 641,95 euro
Imposta di bollo: € 34,20
Spese delle comunicazioni di legge legate al c/c: € 0,70
TAEG: 3,23%
CCC: 3,23%

Ricordiamo che gli interessi sul finanziamento bancario sono coperti dal contributo in conto interessi erogato da Invitalia.
Per le condizioni complete di concessione delle agevolazioni fai riferimento alla normativa applicabile reperibile sul sito di www.invitalia.it